Novità ECM: Autoformazione passa dal 10 al 20%

Il professionista sanitario ha l’obbligo di curare la propria formazione e competenza professionale nell’interesse della salute individuale e collettiva. La partecipazione alle attività di formazione continua costituisce, ai sensi dell’art. 16-quater del D. Lgs. n. 502 del 1992, requisito indispensabile per svolgere attività professionale in qualità di dipendente o libero professionista.
 
È con questa premessa che si apre il Manuale sulla Formazione continua del Professionista Sanitario che, a partire dal 1° Gennaio 2018 arreca in sé alcune novità tra cui il fatto cge l’autoformazione passa dal 10% al 20% dell’obbligo triennale formativo. Questo raddoppio netto permette di destinare a questa almeno 30 crediti dei 150 previsti.
 
Leggi l'articolo completo (www.infermieristicamente.it)

Condividi

Facebook    Twitter    Google+    LinkedIn